Il pensiero per motivarsi e un luccichio negli occhi e non solo.

Di recente, ho letto molti libri sull’autostima e non solo. In tutti viene ripetuta in vari modi la stessa teoria.

Saremo sempre criticati. Ci saranno sempre nella nostra vita persone che proveranno a ferirci.
Qual è la conclusione?


Dobbiamo vivere in modo tale da essere generosi proprietari di noi stessi. Dobbiamo seguire i suggerimenti del nostro cuore.

Pertanto, dobbiamo ballare sotto la pioggia. Ridere. Cantare ad alta voce, avendo fiducia nelle nostre possibilità musicali. Amare con tutto il cuore. Goderci le piccole cose banali. Cercare la bellezza in ogni giorno e non avere paura di brillare!


Tutta questa psicologia sull’autostima serviva per confermare e rafforzare il mio amore per le paillettes, che in questa stagione non mancano.

La loro storia risale all’antico Egitto. Quando nel 1922 fu scoperta la tomba del re Tutankhamon, che visse negli anni 1341-1323 a.C. Le vesti del faraone erano decorate con piccoli dischi di metallo che, nonostante fossero danneggiati, hanno conservato ancora la superficie lucida.

La parola ‘paillettes‘ viene dall’arabo antico ‘sikka‘ e dalla parola italiana ‘zecchino‘ – entrambi significano moneta. Gli italiani li cucivano sui vestiti per non perderli. Infine, le monete sono diventate una decorazione e sono state sostituite con i cerchi di metallo.


Sono diventati un simbolo di lusso. Decorare i vestiti con le paillettes fatte di oro o altri metalli preziosi era un simbolo di potere e ricchezza.

Le paillettes hanno attraversato molte fasi. Dal metallo pesante, passando per essere fatti di gelatina che si scioglieva, per diventare finalmente i dischi di plastica che conosciamo oggi.

Dal 1920, le paillettes sono particolarmente visibili nei costumi usati per spettacoli teatrali e di musica. Coco Chanel decorava con loro abiti da sera.


Negli anni Sessanta, abiti sperimentali fatti di dischi e paillettes regnarono sulle piste da ballo delle discoteche.

Gli anni Settanta sono un momento d’oro per le paillettes. Inaspettatamente, tutto ciò che luccica diventa il simbolo della rivolta contro la noiosa seriosità del sistema. Il glam rock infrange ogni regola e traghetta la moda dall’hippy al glitterato.


Grazie a star della musica come Liza Minelli, Whitney Houston, Michael Jackson, David Bowie, Elton John, Freddie Mercury e Michael Jackson, si trasformano nell’elemento decorativo preferito nelle creazioni destinate a spettacoli teatrali.

D’oro, d’argento, colorati, di fantasia. Le paillettes sempre tornano sulle passerelle di molti designer.
Quindi, come posso resistere ai secoli passati di moda.